Il prossimo lontano

In molte parti d’Europa stanno gradualmente affiorando simboli nazisti e sentimenti di intolleranza profonda che, come piccole fiammelle, potrebbero incendiare e devastare tutto ciò che di buono è stato costruito dopo la Seconda guerra mondiale. Lo scorso agosto è bastato un post (falso) su Facebook per far emergere ciò che rimane occulto e nascosto. Due uomini di colore, ritratti in foto a Forte dei Marmi, in Versilia, vengono definiti online…

Leggi tutto

Rousseau e il M5S (II parte)

Quella di Rousseau è stata un’esistenza che ha interpretato il mondo senza mai trovare pace; ma proprio la ricerca di un senso da dare all’esistenza e alla storia dell’uomo ha reso i suoi scritti geniali. Alcune tappe della sua biografia aiutano a scoprirlo. Partiamo dall’ultima contraddizione che ha coinvolto la sua figura. Dopo la sua morte (3 luglio 1778) a Ermenonville, cittadina di campagna a una cinquantina di chilometri da…

Leggi tutto

Rousseau e il M5S

Rousseu. Un nome che è ritornato alla ribalta con il M5S che ha creato una piattaforma on-line col suo nome. Ma chi era Rousseau? Perché il M5S lo ha scelto come loro ispiratore? Che traccia è rimasta nella nostra cultura del suo pensiero? Rousseau va conosciuto prima per essere utilizzato e riciclato. Il suo pensiero è pieno di chiaro scuri. Per questo è tra gli autori più discussi e studiati nella…

Leggi tutto

Sbi-lanciati per essere felici

“Sono felici solo le persone che hanno la mente fissa su qualche oggetto diverso dalla propria felicità; sulla felicità degli altri, sul progresso dell’umanità, o su qualche forma di arte o di ricerca, perseguita non come un mezzo, ma come un fine ideale. Mirando a qualcos’altro, finiscono per trovare la felicità” J.S.Mill. “Those only are happy (I thought) who have their minds fixed on some object other than their own…

Leggi tutto

Bauman: le culture ripartano dal “principio di speranza”

In questi anni, io come molti altri, abbiamo letto tutto ciò che Bauman ha scritto. Nella mia stanza si trovano i suoi libri ordinati uno dopo l’altro. Leggerli ad un fiato o riprendere pagine scelte mi ha sempre stimolato. Non banalizzava mai e l’interpretazione del sociale che offriva mi ha sempre molto aiutato nella riflessione culturale e politica dei processi in corso. Insomma, gli sono debitore. A partire dal suo pensiero ho scritto…

Leggi tutto

Come la rete cambia la politica. Dagli Usa all’Italia. Con Gianni Riotta

Sabato 9 aprile alle 9,15 i giovani che stanno facendo un percorso di formazione politica a Civiltà Cattolica incontreranno GIANNI RIOTTA, noto giornalista, che nel nel 2008 è stato il 79° e unico italiano dietro a Umberto Eco (al 14° posto), tra i cento intellettuali più influenti del mondo nel sondaggio promosso dalle riviste Foreign Policy (statunitense) e Prospect (britannica). Tema dell’incontro: New Media New Politics? Nella seconda parte dell’incontro ci aiuteranno…

Leggi tutto

La formazione dei giovani alla politica. Il ritorno al pre-politico

Da sei anni presso la sede de “La Civiltà Cattolica”, la rivista dei gesuiti, si tiene una scuola di formazione per i rappresentanti di alcune associazioni giovanili cattoliche. Pubblico qui una intervista di Paolo Bonini, Agenzia Sir Abbiamo intervistato padre Francesco Occhetta s.j., che della scuola è il perno. Con lui ripercorriamo la storia, il senso e gli obiettivi dell’iniziativa, illustrando anche il perché sia importante valorizzare il pre-politico e il…

Leggi tutto

Due straordinari testi a sorpresa…

Riporto due straordinari testi che vanno meditati per riscoprire e riattivare le motivazioni spirituali  per non abdicare dalla vita politica. Il primo testo è del poeta Bertolt Brecht, il secondo Tonino Bello. Ecco cosa scrive Brecht sul pericolo di delegare e disinteressarsi della vita sociale e politica: Il peggiore analfabeta è l’analfabeta politico. Egli non sente, non parla, nè s’importa degli avvenimenti politici. Egli non sa che il costo della…

Leggi tutto

Umanesimo – postumanesimo – nuovo umanesimo

Le categorie dell’umanesimo europeo, che hanno posto la persona al centro dell’agire politico, non sono più una condizione «pre-politica» accolta dalle forze politiche. Temi come l’inizio e la fine della vita, il gender e la gestione politica dei farmaci per il miglioramento delle prestazioni cognitive, sono disciplinati a colpi di sentenze della magistratura mentre il Parlamento non riesce a trovare argomentazioni e soluzioni condivise. Il primo grande equivoco è confondere le…

Leggi tutto

Civiltà Cattolica: antropologia postumanistica in rivolta contro l’uomo (askanews)

Ecco alcune agenzie dello studio in uscita sulla Civiltà Cattolica Gesuiti: sfida mortale tecnologia a politica (e a democrazia). Civiltà Cattolica: antropologia postumanistica rivolta contro uomo Roma, 19 mar. (askanews) – “La crisi attuale della politica non è semplicemente legata all’inerzia o all’incapacità di gestire la complessità dei dei temi in agenda, ma al disorientamento causato da un nuovo modello culturale che sta sostituendo il vecchio. Ciò che si sta…

Leggi tutto