Le 3 condizioni per rifondare il servizio pubblico, di Monica Maggioni direttore di Rainews24

Ecco un anticipo della prefazione di Monica Maggioni, direttore di Rainews24, al volume Le tre soglie del giornalismo. Servizio pubblico, deontologia, prefesione

Ripensare le modalità del racconto, rimettere in discussione la tecnica, gli strumenti, salvaguardando invece il senso profondo del lavoro del giornalista, il sistema di valori che ne è base ed elemento fondante: è questa la sfida del momento che stiamo vivendo. In questi ultimi anni il giornalismo ha lasciato la sua riva più tradizionale e approda verso modelli di integrazione e di condivisione che stanno definendosi.

In quale modo, allora, aggiornare attraverso una sorta di download, i valori che hanno fondato il sistema dei media – soprattutto quello radiotelevisivo – come la professionalità, il bene sociale, la concorrenza creativa, il diritto inclusivo di cittadinanza, il servizio pubblico universale declinato in informazione educazione e intrattenimento?

(…)monica-maggioni_rai-news-24

Per rifondare il “servizio pubblico” nel sistema dei media occorre lavorare su tre condizioni: avere una governance pubblica la cui autorevolezza sia riconoscibile anche dai cittadini; continuare a garantire a tutti, compresi quelli che non hanno possibilità economiche, un servizio di qualità autorevole e imparziale; essere consapevoli che l’informazione del servizio pubblico è anche lo strumento con cui si costruisce una memoria pubblica condivisa della storia del Paese, nel suo farsi.

Il volume di Occhetta è un’occasione preziosa. Ci permette di sostare per ripensare i fondamenti del nostro agire e della nostra professione perchè privilegia la realtà e l’esperienza alle teorie sulla comunicazione.
È ciò che Chersterton scriveva del giornalista riprendendo un’immagine dalla Bibbia: «Un uomo che costruisce un sistema intellettuale deve costruire come Neemia, con la spada in una mano e la cazzuola nell’altra. L’immaginazione, la qualità costruttiva, è la cazzuola, e l’argomento è la spada».

È questa la sfida a cui siamo chiamati.

volume giornalismo - Copia (2)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbe interessarti anche