Chi era Sant’Ignazio di Loyola?

Ignazio di Loyola è il fondatore dei gesuiti. Di lui non si molto. Anzi non è per nulla popolare, forse per la fama di austerità che lo circonda. Eppure ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della Chiesa e dell’Europa. Per giunta non era nemmeno bello, un uomo di Padova suo contemporaneo lo ha descritto così: “Uno spagnoletto, piccolo, un po’ zoppo, che ha gli occhi allegri”. Ignazio era infatti alto…

Leggi tutto

Per capire Ignazio di Loyola e i gesuiti

Papa Francesco, il card. Martini… fino a risalire a Matteo Ricci e a Francesco Saverio… tutti “figli di sant’Ignazio”. Eppure lui continua ad essere uno sconosciuto. Era schivo, si era “ritratto” per fare spazio ad un Altro, più che all’apparire ha scelto di vivere in penombra per accompagnare vite e processi storici. Riporto qui l’introduzione a un breve volume Ignazio di Loyola Il pellegrino fondatore della Compagnia di Gesù che ho scritto…

Leggi tutto

Le regole di discernimento dei gesuiti

discernimento

In questo articolo trovi le regole del discernimento scritte da Ignazio di Loyola nel 1523 e link a riflessioni di approfondimento. I regola: “Quando vai di male in peggio, il messaggero cattivo di solito ti propone piaceri apparenti facendoti immaginare piaceri e godimenti, perché tu persista e cresca nella tua schiavitù. Invece il messaggero buono adotta il metodo opposto: ti punge e rimorde la coscienza, per farti comprendere il tuo errore”…

Leggi tutto

I 450 anni della CVX (Comunità di vita cristiana)

L’EUROPA DEI DEVOTI    La CVX (Comunità di vita cristiana) ha festeggiato i suoi 450 anni di vita. I gruppi di laici legati ai gesuiti sono arrivati a Roma per celebrare l’evento il 26-27-28 aprile 2013, coordinati dal prof. Leonardo Becchetti, il loro assistente nazionale è il gesuita, Vincenzo Sibilio. Riporto di seguito gli appunti dell’intervento alla tavola rotonda del 26 pomeriggio all’Istituto Massimiliano Massimo. L’incontro aveva come obiettivo quello…

Leggi tutto

Matteo Ricci. Il gesuita che stupì la Cina

Matteo Ricci Il gesuita che stupì la Cina La vita di Matteo Ricci, il gesuita che non ha portato in Europa i tesori dell’Oriente, ma ha regalato alla Cina la cultura dell’Occidente, ha dello straordinario: astronomo e teologo, studente di diritto e matematico, missionario e diplomatico, scienziato e sinologo. Nasce il 6 ottobre 1552 in una nobile famiglia a Macerata, primo di 13 figli. Nel 1561, a nove anni, inizia…

Leggi tutto

Sulla felicità di Pierre Teilhard de Chardin

Secondo il gesuita Pierre Teilhard de Chardin (1881-1955), geologo e paleontologo, la felicità dell’uomo è inscritta nella vita del mondo e si armonizza nella sapienza e nel ritmo della creazione. La felicità piena può essere vissuta attraverso la creatività, l’amore e l’adorazione. Nel 1942, quando Teilhard de Chardin era esiliato in Oriente, scrive una meditazione sulla felicità, tradotta in italiano per la prima volta nel 1970 in un volume che…

Leggi tutto

Cosa è accaduto 2000 anni fa?

Manca un corpo al bilancio dei conti della morte, la somma non torna e l’evento più certo della vita (la morte!) è stato falsificato. Questo fatto invece di semplificare le cose sembra però che le complichi. In gioco non c’è tanto la risurrezione come idea, il dramma che giustifica i filosofi a credere o a non credere (in fondo rimane un’idea!), ma al centro c’è una persona risuscitata. Lo aveva…

Leggi tutto

Francesco Saverio, il gesuita delle periferie del mondo

“Si cercano uomini che sappiano dare ragioni per vivere, perché in questi luoghi si apprezza meno il sapere e molto più la vita” (Francesco Saverio)… La vita di Francesco Saverio è la storia di un lungo viaggio… è a Lui che Papa Francesco pensa quando chiede di andare alle periferie del mondo e stare tra la gente. Saverio spende dieci anni della sua vita in Asia, di questi ne passa…

Leggi tutto

Chi è Ignazio di Loyola?

Papa Francesco, il card. Martini… fino a risalire a Matteo Ricci e a Francesco Saverio… tutti “figli di sant’Ignazio”. Eppure lui continua ad essere uno sconosciuto. Era schivo, si era “ritratto” per fare spazio ad un Altro, più che all’apparire pensava ad accompagnare vite e processi storici. Riporto qui l’introduzione a un piccolo volume che ho scritto qualche anno fa e che aiuta a chiarire il suo profilo dalle fonti…

Leggi tutto