#illavorochevogliamo verso la 48° Settimana Sociale di Cagliari

Creare lavoro è una responsabilità di tutti… certo non tutte le responsabilità hanno lo stesso peso, ma il tema non si può delegare più.
Anche la Chiesa italiana ha deciso di prendere a cuore il tema del lavoro e si sta incamminando verso la 48° Settimana Sociale che si svolgerà a Cagliari dal 26 al 29 ottobre. Lo faremo secondo quattro registri comunicativi allo scopo di risvegliare e mettere in moto le tante risorse che possono generare lavoro nelle nostre comunità.
Vorremmo promuovere il lavoro umano e convertire il lavoro disumano che sta facendo soffrire troppi lavoratori. E pensare come creare lavori nuovi e aumentare l’occupazione…
Ecco perché utilizzeremo l’hashtag #illavorochevogliamo
Ecco le quattro linee scelte in cui ci muoveremo:
 
1. Denuncia. Vogliamo assumere la responsabilità di denunciare le situazioni più gravi e inaccettabili: sfruttamento, lavoro nero, insicurezza, disuguaglianza, disoccupazione – specie al Sud e tra i giovani – e problematiche legate al mondo dei migranti.
2. Racconto. Vogliamo raccontare il lavoro nelle sue profonde trasformazioni, dando voce ai lavoratori e alle lavoratrici, interrogandoci sul suo senso nel contesto attuale.
3. Buone pratiche. Vogliamo raccogliere e diffondere le tante buone pratiche che, a livello aziendale, territoriale e istituzionale, stanno già offrendo nuove soluzioni ai problemi del lavoro e dell’occupazione.
4. Proposte. Vogliamo costruire alcune proposte che, sul piano istituzionale, aiutino a sciogliere alcuni dei nodi che ci stanno più a cuore.
Nel corso dell’anno verrà proposta a tutte le comunità cristiane un’iniziativa di solidarietà nei confronti di chi non ha lavoro. Ci muove la convinzione che solo rimettendo al centro il lavoro –“un lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale” (Evangelii gaudium, 192) – sarà possibile tornare a guardare con fiducia al futuro.
Ogni Diocesi, secondo il numero dei suoi abitanti, parteciperà alla Settimana Sociale con 3 – 7 persone, scegliendo tra coloro che sono coinvolti attivamente con le problematiche del lavoro. Oltre alle diocesi saranno invitate persona coinvolte col mondo del lavoro, dagli imprenditori, ai sindacati, al governo ecc.
Ogni Diocesi è, inoltre, invitata a presentare, attraverso un video di cinque minuti, una buona pratica che racconti il lavoro oggi nelle rispettive realtà territoriali, così da poterlo valorizzare nell’ambito dei lavori di gruppo della Settimana stessa.
Abbiamo ripreso una preziosa indicazione che ci è data l’Esortazione apostolica Evangelii gaudium identificando così il tema della Settimana Sociale: Il lavoro che vogliamo: “libero, creativo, partecipativo e solidale” (EG 192).
E’ importante diventare una grande comunità e fare rete intorno al tema lavoro.
Seguici anche al portale dei giornalisti dell’Ucsi www.ucsi.it

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Potrebbe interessarti anche